Torna a Roma "Agenda Brasil", il Festival di Cinema Brasiliano

Roma, 5 set. (askanews) - Dopo il successo della sua prima edizione, torna a Roma "Agenda Brasil", il più importante Festival Internazionale di Cinema Brasiliano, il 6, 7 e 8 settembre alla Casa del Cinema

Sulla scia delle recenti vittorie a Cannes del realismo magico in stile western di "Bacurau" (premio della giuria) e del toccante racconto al femminile "A Vida Invisìvel de Eurìdice Gusm o" (vincitore della sezione competitiva "Un certain regard"), che hanno confermato la vitalità del cinema brasiliano contemporaneo, la programmazione di questa edizione romana ha voluto includere film potenti, che hanno già ricevuto riconoscimenti a livello internazionale e affrontano con coraggio alcuni temi di grande attualità del quotidiano brasiliano: l'attacco alla democrazia, la crisi ambientale, le questioni di genere, le diversità razziali, il traffico e il consumo di stupefacenti. Dieci film con una visione forte, personale e attuale che mostrano un paese variegato, multiculturale e ancora alla ricerca di una identità.

"Mai come prima l'arte cinematografica rispecchia il vissuto della società brasiliana, non solo attraverso i documentari ma anche con i film di finzione. Tenuto conto che in questo momento il Brasile sta attraversando un periodo delicato, con un governo alquanto polemico rispetto a temi sociali molto sentiti e spesso ignorati, ecco che il cinema si fa carico di parlarne" ha detto la direttrice del festival Regina Nadaes Marques.

Tre grandi registi saranno presenti per incontrare il pubblico: Diego Di Niglio, regista del film "Aurora 1964", André Besen, direttore della fotografia di "Ayahuasca, expans o da consci ncia", e Daniel Camargo, regista di "George Hilton: o mundo é dos audazes", documentario biografico sulla vita di George Hilton, l'attore uruguayano scomparso il 28 luglio scorso. I film saranno proiettati in versione originale con sottotitoli in italiano, l'ingresso è libero.