Torna a scuola l'insegnante accusata di aver scritto un post irriguardoso sul carabiniere ucciso

Ha ripreso regolarmente servizio questa mattina al Liceo Scientifico "Pascal" di Romentino, in provincia di Novara, Eliana Frontini, la professoressa finita nella bufera nello scorso luglio per un post apparso sul suo profilo Facebook irriguardoso della memoria del brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma.

L'insegnante aveva spiegato che a scrivere quel post ('Uno in meno e chiaramente con sguardo poco intelligente. Non ne sentiremo la mancanza') era stato il marito che aveva utilizzato il suo cellulare e la password di cui era a conoscenza. Lo stesso coniuge ha confermato il fatto, con una dichiarazione asseverata e quindi è probabile che la posizione di Frontini venga archiviata.

L'Ufficio scolastico regionale ha tempo fino a 180 giorni per far conoscere la sua decisione. Nel frattempo l'insegnante ha ripreso servizio nella sua scuola, anche se, al momento, è stata inserita nelll'organico di potenziamento, e quindi non avrà una sua classe, ma verrà utilizzata su progetti specifici o in modo occasionale.

Alla vicenda di Eliana Frontini aveva fatto riferimento in un comizio a Domodossola sabato sera anche il leader leghista Matteo Salvini, secondo il quale "In un Paese normale sarebbe stata cacciata e mandata in miniera a lavorare per tutta la vita".