Tornado in Italia sempre più frequenti

Tornado
Tornado

I tornado li abbiamo sempre visti a distanza o magari nei film, ma questi fenomeni sono sempre più frequenti in Italia e stanno causando, da nord a sud, numerosi danni.

Tornado, l’Italia è sempre più soggetta e questo fenomeno meteorologico

Le regioni più colpite dai tornado sono: Puglia, Calabria e Lazio. A spiegare il perchè è l’Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche(Cnr-Isac). Sono le regioni sul mar Tirreno quelle più esposte a questo fenomeno meteorologico. Gli studi del Cnr-Isac sono durati 31 anni e vanno dal 1990 al 2021, periodo in cui l’Italia è stata colpita da 445 tornado di alta intensità.

Elio Avolio (Cnr-Isac): “Condizionati dal cambiamento climatico”

Il perchè l’Italia sia colpita sempre di più da tornado lo spiega Elio Avolio, che si è occupato dello studio trentennale già citato di questa condizione meteorologica in Italia. “L’intensificazione di tali fenomeni, nel corso degli anni, è condizionata anche dal cambiamento climatico in atto, essendo confermato che esistono delle forzanti specifiche, come la temperatura superficiale del mare, con un ruolo importante nello sviluppo di tali eventi”.

Le cause che scatenano un tornado

Come riporta TgCom24, Le cause, come spiegato nella ricerca, vanno ricercate  nell’incontrarsi della bassa pressione presente sull’Italia nord-occidentale, sia in quota che in superficie, con venti al suolo sud-occidentali in grado di trasportare aria più calda della media verso le regioni colpite. I risultati dello studio, spiega Avolio, “hanno mostrato come sia possibile prevedere con successo valori elevati di specifici indicatori d’instabilità atmosferica e di convezione profonda tipici dei tornado, nonché di simulare correttamente la struttura delle celle convettive responsabili della genesi di tali eventi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli