Tortorella (Consulcesi): "Transizione al digitale unica via per imprese per crescere"

·3 minuto per la lettura

Durante i mesi del lockdown in cui l’economia italiana era paralizzata, le aziende basate sul digitale hanno retto il colpo. Anzi, le pmi che avevano investito nella transizione digitale sono cresciute del 50%, secondo uno studio del Politecnico di Milano. L’innovazione digitale ha rappresentato una sorta di ancora di salvezza per le aziende. E proprio la valorizzazione del digitale e il riconoscimento dell’importanza del 'capitale umano' nei processi di crisi e di crescita, è il tema del nuovo libro di Massimo Tortorella, 'Il Capitale digitale', in uscita il 22 luglio in formato cartaceo e digitale. Il secondo lavoro dell’'imprenditore del domani' - così Gianluigi Pacini Battaglia definisce il presidente di Consulcesi Group nelle prefazione - intreccia esperienza personale e professionale a una visione del futuro che non prescinde dalla necessità di “dirigere l’attuale economia capitalistica verso nuovi traguardi, come quello per la transizione ecologica e digitale”.

Nelle pieghe della crisi pandemica, Tortorella individua “un presente estremamente vivace, ricco di opportunità da cogliere sia a livello nazionale che internazionale”, nell’ambito dell’economia, del lavoro e soprattutto della salute. Mettere al centro le persone, soprattutto in epoca post-Covid, significa anzitutto porre attenzione al valore universalistico della salute e comprendere quale sia la situazione di partenza per impostare una strategia che indichi la direzione precisa e coerente di evoluzione dei modelli organizzativi e tecnologici, al fine di avere una digitalizzazione che produca benefici in ambito medico e sanitario, è il primo passo verso una vera e propria transizione digitale.

In Italia e in Europa la crescita del numero di longevi va di pari passo con l’aumento di cronicità e non autosufficienza, di conseguenza la richiesta assistenziale sarà sempre maggiore e i sistemi sanitari dovranno sostenere costi sempre più elevati. In quest’ottica, la digitalizzazione è una delle vie da seguire per affrontare le nuove sfide della sanità. Tuttavia, vi sono numerosi ostacoli all’adozione dei servizi di sanità digitale che vanno dalla scarsa conoscenza informatica dei medici alla mancanza di un quadro normativo sulla riservatezza per le comunicazioni tra medico e paziente. Questo fa vacillare l’equilibrio tra la sostenibilità del sistema e il suo carattere universalistico, ma, come sostiene Tortorella, è possibile realizzare un “Rinascimento digitale” che nella ridistribuzione della ricchezza coniughi “il valore del lavoro all’etica, la forza delle idee alla realtà, e che ancori una visione imprenditoriale alla sua concretizzazione”.

'Il Capitale digitale' di Massimo Tortorella affronta il tema delle nuove professioni del futuro soprattutto in ambito sanitario per le quali è di vitale importanza il continuo aggiornamento e la formazione costante soprattutto attraverso l’e-learning che permette di essere formati e informati in tempi decisamente più rapidi ed efficienti rispetto alle formule classiche di formazione.

“Il capitalismo digitale reclama, infatti, nuove professionalità e competenze, e richiede percorsi, modelli e strumenti di certificazione di questo sapere innovativi. Ecco perché ritengo sia la formazione il campo di applicazione più importante tra le novità che il capitale umano digitale reca con sé. Le nuove professioni del futuro, infatti, presupporranno sempre più una multidisciplinarietà”, scrive Pacini Battaglia nella prefazione.

Le piattaforme digitali sono ormai l’elemento centrale dello sviluppo economico, produttivo e sociale di questa società in cui, nel libro del presidente di Consulcesi, il concetto di “virtuale” torna all’origine etimologica latina di “virtù” attraverso interrogativi e risposte che hanno l’obiettivo di destare l’attenzione di imprenditori e rappresentanti delle istituzioni su un nuovo fenomeno economico che richiede una diffusa educazione digitale per cavalcare l’onda del capitalismo digitale, non esserne travolti e “per non perdere l’occasione di allargare il nostro orizzonte”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli