Tortura una neonata spezzandole braccia e gambe: condannato a 6 anni

Tortura neonata

Stephen Foster, 32 anni, di Millbrook, in Cornovaglia, tortura una neonata per ore causandole diverse lesioni in tutto il corpo. L’uomo ha confessato di aver causato dei gravi danni fisici alla bambina torcendole le gambe e le braccia fino a rompergliele. Un medico che ha curato la piccola ha detto alla Plymouth Crown Court che le lesioni causate alla bambina erano paragonabili a quelle di un adulto coinvolto in un incidente d’auto o in una caduta da una grande altezza

Tortura una neonata spezzandole braccia e gambe

Secondo la prima ricostruzione di Plymouth Live, Stephen Foster, avrebbe, in un primo momento, stretto la bambina così forte da schiacciarle e rompere le costole. In seguito avrebbe tirato il braccio della bambina dietro la testa di lei fino a farla cadere. Avrebbe poi tirato la gamba sinistra della bambina all’indietro sotto il suo corpo, tirando l’altro braccio dietro la sua gamba storta. Le ferite sono state scoperte dopo che la madre ha contattato il 999, in quanto la piccola non riusciva a smettere di piangere e non riusciva a capirne il motivo. La Procura della Corona, ha raccontato alla corte come i medici abbiano trovato una frattura a spirale nella parte superiore della coscia della bambina ed altre tre lesioni che non potevano essere state accidentali in quanto richiedevano una considerevole forza. L’avvocato ha dichiarato che la bambina “soffriva di forti dolori ed era inconsolabile a causa della ferita”. Foster si è consegnato spontaneamente alla polizia dopo che le forze dell’ordine hanno iniziato a sospettare della madre della piccola. L’uomo durante l’interrogatorio non ha saputo dire le motivazioni delle sue terribili azioni, come conferma anche uno psichiatra che ha descritto il comportamento di Foster come “senza scopo”. L’uomo adesso è stato condannato a 6 anni di reclusione.