#Toscana 2020, ancora in alto mare nome candidato centrosinistra

Xfi

Firenze, 12 nov. (askanews) - Prima il programma, poi il candidato. Sembra ancora lunga, seppur non lunghissima, la strada che porterà alla definizione del candidato governatore della Toscana che il Pd proporrà alle forze del centrosinistra in vista. Ieri c'è stato il vertice di maggioranza tra i capigruppo in Regione, venerdì è atteso il vertice tra le forze organizzate: Pd, Italia Viva, Mdp ma anche il movimento "2020 a Sinistra", Verdi, socialisti e +Europa. Ufficialmente, un incontro per trovare un accordo programmatico. E' soltanto ultimato questo, che si arriverà ad un nome. Certo è che, su sponda Pd, l'unico veramente ancora in ballo, a meno di sorprese e di rovesciamenti da parte della componente più di sinistra, resta il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani. L'unico nome che parrebbe in grado di mettere d'accordo Pd e Italia Viva. Ma forse non Mdp e Verdi. E anche il partito di Matteo Renzi, che in Toscana ha accolto l'assessore regionale Stefania Saccardi, avversaria di Giani all'interno del Pd, è tutto da vedere se alla fine si accoderà alla proposta del Pd oppure correrà con un proprio candidato per arrivare alla conta del primo turno. In Toscana si vota col ballottaggio, con la soglia al 40%, e questo potrebbe spingere le forze politiche a strategie più complesse in vista del secondo turno. Intanto si cerca di far rientrare il caso Saccardi. "Nessuno mi ha chiesto di cambiare assessore. Quanto alla commissione sanità in Consiglio è questione che non dipende da me", ha ribadito il presidente Enrico Rossi a La Nazione. "Le forze che compongono la maggioranza, su mio impulso, lavoreranno a un piano di lavoro unitario sulle politiche sanitarie per il finale di legislatura", ha aggiunto. Quanto al centrodestra, sembra davvero tramontata la candidatura di Susanna Ceccardi, ora europarlamentare, in primo luogo per la forte opposizione al suo nome arrivato da Fratelli d'Italia. E prende sempre più quota quello di Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto, e ritenuto fuori quota tra le forze del centrodestra, con un profilo sostanzialmente civico.