Toscana 2020, Giani: ringrazio Bonafè, ora sia arbitro primarie

Xfi

Firenze, 30 lug. (askanews) - Quelle di Simona Bonafè "mi sembrano dichiarazioni molto responsabili, espressione di una personalità di assoluto equilibrio e di grande significato. Rispettando i voti che l'hanno portata ad essere la prima degli eletti alle Europee, giustamente pensa a completare il suo mandato". Lo ha detto il presidente del Consigli regionale della Toscana, Eugenio Giani, commentando il rifiuto di candidarsi, di Bonafè, alla carica di presidente della Toscana, nel 2020.

"In quanto segretaria regionale -ha aggiunto Giani- può esercitare il suo importantissimo ruolo di arbitro per quello che sarà il processo che porta alla designazione del candidato presidente del Pd e della coalizione di centrosinistra. La ringrazio per l'onestà intellettuale con cui si è espressa e sono convinto che a questo punto il partito democratico ha una bella guida per poter definire il processo che porterà al candidato governatore", ha detto ancora Giani.

"Dobbiamo pensare a delle primarie, a delle primarie aperte, non solo con esponenti del Pd. E' molto importante che il 10 settembre, com'è previsto dal regolamento, sia insediata la commissione per le primarie", ha concluso Giani.