Toscana, 25 mila bigné alla festa di Orentano

Xfi

Firenze, 30 lug. (askanews) - Sarà una struttura spettacolare, con 25mila bigné e 25 metri quadri di pan di spagna farcito alla crema, a rendere omaggio a Leonardo Da Vinci, domenica 18 agosto a Orentano in provincia di Pisa. La 51esima Festa del Bignè, è stata presentata questa mattina a palazzo del Pegaso, vedrà sfilare, infatti, un maxi dolce raffigurante tre celebri invenzioni del genio toscano per ricordarne i 500 anni dalla morte. L'iniziativa è organizzata dall'Ente Carnevale dei Bambini Pro Loco di Orentano APS con il patrocinio ed il supporto del Comune di Castelfranco di Sotto, nell'ambito dell'Agosto Orentanese 2019.

"Quest'anno, non poteva toccare che a Leonardo Da Vinci di essere immortalato nel dolcione, uno dei monumenti delle nostre tradizioni popolari che ogni anno raffigura un elemento simbolico della cultura italiana", tiene a ribadire il presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani. "La rievocazione che da oltre 40 anni porta ad Orentano, rappresenta una Toscana dolce, gradevole e accogliente".

Anche il consigliere regionale Andrea Pieroni afferma "si tratta di una delle iniziative più tipiche e datate del nostro territorio e affonda le sue radici nella tradizione dolciaria. La festa arriva da lontano, dal 1968 viene organizzata questa sagra che attira migliaia di persone. È uno degli esempi con i quali, lavorando sulle tradizioni, valorizziamo la cultura locale e i luoghi della nostra Toscana". Il programma 2019 Il primo "dolcione" della storia orentanese risale al 1987, un'attrazione che consiste in una struttura fatta di bignè e costruita su un pianale mobile. L'edizione 2019 ricorda l'inventiva di Leonardo e rende omaggio alla grande passione per la cucina. Si imputano a lui infatti diverse invenzioni innovative come il girarrosto, il cavatappi, il trita aglio, il macina pepe.

"Il genio di Leonardo è ancora vivo nell'inventiva e nel saper fare dei toscani, come dimostra questa manifestazione così longeva, anche nei pasticceri - ha commentato il sindaco di Castelfranco di Sotto Gabriele Toti -. L'arte della pasticceria è una tradizione che accompagna gli orentanesi da molti anni ed è stata da loro esportata anche nella capitale, dove si spostarono nel dopoguerra in cerca di fortuna e dove tutt'oggi i loro laboratori continuano a far scuola". Ilaria Duranti, assessore allo sviluppo economico di Castelfranco di Sotto, ha ricordato il lavoro preparatorio per la realizzazione della struttura che impegna un team di volontari che si adoperano con impegno e competenza per circa tre mesi.

L'appuntamento del 18 agosto è la serata conclusiva di un programma di eventi che parte il 6 e 8 agosto con due proiezioni di cinema, prosegue il 10 con le celebrazioni del patrono di Orentano San Lorenzo e poi dall'11al 16 musica, spettacoli di intrattenimento e il 17 silent party e una commedia in vernacolo.