Toscana, Baccelli: lieve intoppo raddoppio Lucca-Pistoia

Cro/Xfi

Firenze, 5 ago. (askanews) - "I lavori per il raddoppio ferroviario Lucca-Pistoia registrano un lieve intoppo nel 1° lotto per un imprevisto geologico nel tratto della galleria di Serravalle, ma il cantiere è fortemente attivo e vede 200 operai al lavoro. L'80% del primo lotto è già stato realizzato e si prevede la conclusione dei lavori nel primo semestre del prossimo anno. Sul 2° lotto invece siamo ancora in attesa dei necessari pareri tecnici nazionali che tardano ad arrivare". Così Stefano Baccelli, presidente commissione Trasporti e infrastrutture. "Già nell'ottobre scorso il progetto definitivo dei 25 km di raddoppio tra Pescia e Lucca è stato concluso e da allora si attende il via libera da parte del Consiglio superiore dei lavori pubblici. Evidentemente, lo "sblocca cantieri" del ministro Toninelli è bloccato. In ogni caso, le previsioni più ragionevoli fanno pensare ad un inizio lavori nel 2021 ed una loro conclusione entro il 2023. Tutto ciò non mette in discussione la bontà di un progetto che vede prendere forma un potenziamento infrastrutturale atteso e necessario da cittadini e pendolari, studenti e lavoratori, in grado di determinare un incremento della capacità di traffico della linea, maggiori standard di regolarità e puntualità, nonché una riduzione dei tempi di viaggio fra Firenze, Lucca e Viareggio a cui si aggiungono lavori migliorativi volti a efficientare l'accessibilità ai treni ed opere complementari che miglioreranno l'integrazione con i territori interessati. Un'opera, ricordo, che ha visto un finanziamento regionale di 235 milioni di euro su un costo complessivo di 487. Voglio infine ricordare che l'impegno su questo fronte da parte della Regione non si ferma alla tratta Viareggio-Firenze: anche sulla Lucca-Aulla, infatti, abbiamo finanziato opere di potenziamento per 20 milioni di euro e investito circa 50 milioni in nuovi treni".