Toscana, Ceccardi: Musse Ali e Montanari ancora al loro posto

·1 minuto per la lettura
featured 1492855
featured 1492855

Milano, 1 set. (askanews) – “Nura Musse Ali si è rallegrata a mezzo stampa per il ritorno dei talebani a Kabul. Dichiarazioni inaccettabili per chi dovrebbe occuparsi dei diritti delle donne. Si è scusata, senza però cambiare una virgola di quanto sostiene, ed è ancora lì, a meno che il Pd non la faccia dimettere, giusto per dare un segnale. Tanto è un pesce piccolo, meglio fare dimettere lei che tutti i politici indagati in Toscana all interno del partito”. Così Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega, in un video postato sui social.

Quanto a Montanari, Ceccardi lo definisce “un vero e proprio negazionista sulla tragedia fiumano dalmata del massacro delle Foibe. Uno che vorrebbe eliminare la celebrazione nazionale del Giorno del Ricordo. Parlano tanto di memoria, di storia, ma solo quella che torna politicamente bene a loro. Gli altri devono essere cancellati, dimenticati. Uno così davvero si dovrebbe dimettere dal ruolo educativo che ricopre, ma non solo non si è dimesso, ma la sinistra ha levato gli scudi in sua difesa”.

“Insomma, se sei di sinistra hai libertà di parola, puoi essere revisionista, negazionista, indagato, corrotto, filotalebano. Ci sarà sempre un partito pronto a fare quadrato per difendere i compagni che sbagliano “.

“Se invece sei di centrodestra, hai il peccato originale. Se sbagli ti aspettano dimissioni, pubblica gogna, stigma sociale, licenziamento, crocifissione in sala mensa. Io mi sono stufata. C è un limite all ipocrisia e al doppiopesismo. e questo limite forse lo devono mettere quelli che non sono allineati e che non vogliono perire sotto l egida del politicamente corretto piddino, ma anche quelli che a sinistra comprendono che l uguaglianza riguarda anche la libertà di pensiero e di opinione politica”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli