Toscana, centinaia di braccianti pagati 2,5 euro l'ora scoperti dalla GdF

Caporalato Toscana scoperti operai
Caporalato Toscana scoperti operai

Avrebbero lavorato per 15 ore al giorno con una paga oraria di 2,5 euro. Queste le accuse che sono state rivolte a tre aziende agricole che, nel periodo tra il 2015 e il 2019, avrebbero impiegato centinaia di lavoratori in nero come braccianti sia italiani che stranieri e scoperti dalla Guardia di Finanza. Stando a quanto riporta il quotidiano “La Nazione”, ad avviare l’indagine sono stati i finanzieri della Compagnia di Piombino a luglio 2019 e con il coordinamento della Procura di Livorno.

Caporalato Toscana, scoperte centinaia di operai dalla Guardia di Finanza

I braccianti avrebbero in particolare prestato l’attività lavorativa in condizioni disumane senza ferie e con tanto di minacce di licenziamento e aggressioni verbali. C’è di più. Questi ultimi avrebbero anche vissuto in un’abitazione dalle condizioni fatiscenti senza riscaldamento e acqua potabile. Per questa casa i lavoratori pare che abbiano anche versato una quota per l’affitto decurtata dal loro compenso già molto basso.

Le indagini in corso

Nel frattempo, le persone indagate avrebbero già provveduto a versare le sanzioni amministrative a loro carico e comminate da INPS e Guardia di Finanza per un importo di circa 5.800.000 euro. Le indagini ad ogni modo sono ancora in corso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli