Toscana, centrodestra: Regione ha abbandonato Terme Montecatini

Xfi

Firenze , 17 dic. (askanews) - La Regione Toscana sta pensando solo a risanare i bilanci delle Terme di Montecatini, ma non vi è alcuna prospettiva di rilancio. E' il senso delle critiche rivolte dagli esponenti del centrodestra che oggi hanno tenuto una conferenza stampa a Firenze. Secondo Luciana Bartolini, consigliere regionale della Lega, "il problema non è solo di Montecatini ma di tutte le terme della Toscana, lasciate a se stesse. In Toscana ci sono 32 località termali, non c'è una strategia per risollevare questo settore".

"Si sta vivendo, a Montecatini, un 2009-2019 tristissimo -osserva il consigliere regionale di Forza Italia, Maurizio Marchetti- in cui non si è fatto altro che accumulare debiti. C'è una mozione approvata dal Consiglio comunale di Montecatini terme, ma non vedo risposte da parte della Giunta, non ne vedo neanche negli ultimi provvedimenti di fine anno. Io mi auguro che in Aula ci dicano qualcosa di più perché il rilancio di Montecatini passa attraverso le terme".

"Non siamo ottimisti. E' un tema quasi ignorato dalla Giunta. Ma -attacca il consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Paolo Marcheschi- il rilancio del turismo termale deve partire proprio da Montecatini che è uno degli istituti culturali da salvaguardare. Dividere la gestione dal patrimonio è un percorso che si puà fare, come è stato fatto in altri settori. Non si capisce perché non si ascolta il sindaco di Montecatini e il Consiglio comunale.

La disanima più dettagliata arriva dal primo cittadino, Luca Baroncini: "negli ultimi anni abbiamo messo 6 milioni per risolvere la crisi, noi vogliamo un rilancio, un ammodernamento delle strutture, gli immobili sono semi-abbandonati. Facciamo la nostra parte, la Regione non deve abbandonarci. Io ho già chiesto molti incontri in via ufficiale al presidente Rossi, ma non ho avuto risposte. Il piano di risanamento c'è dal punto di vista liquidatorio, ma non c'è rilancio. Vendere gli immobili serve solo a rimettere posto, per qualche anno, il bilancio, fino a che, se continuiamo a vendere, non rimarrà più niente. Ci sono bagni che sono gli stessi di 60 anni fa. Eppure -conclude Baroncini- il potenziale c'è tutto, basti pensare che stiamo avviando una collaborazione con la Russia per offrire ospitalità ai cosmonauti ritorno sulla Terra che potranno così usufruire di trattamenti fisioterapici".