Toscana, Consiglio approva il Piano cave. Pd: "salto di qualità"

Xfi

Firenze, 31 lug. (askanews) - "Con il Piano cave che ci apprestiamo ad adottare, possiamo dire di aver fatto un ottimo lavoro e riconoscere all'assessore Ceccarelli di aver attivato meccanismi aggiuntivi di confronto assiduo sul territorio. Un confronto che abbiamo cercato di riprodurre nel lavoro delle commissioni congiunte". Così il presidente della commissione Ambiente, Stefano Baccelli (Pd) apre l'illustrazione del Piano regionale cave, che insieme alla legge approvata questa mattina, definisce la pianificazione del settore. "Si tratta di uno strumento davvero nuovo - spiega ancora Baccelli -, che ha l'ambizione di fare un salto di qualità e con il quale si vuole garantire una visione d'insieme e dare regole per quanto possibile univoche. Con due obiettivi prioritari, "la tutela dell'ambiente e dare eguali opportunità alle imprese del settore".

Il Piano regionale cave è lo strumento di pianificazione territoriale con il quale la Regione persegue le finalità di tutela, valorizzazione, utilizzazione dei materiali di cava in una prospettiva di sviluppo sostenibile e privilegiando il riuso dei materiali assimilabili. Il Piano definisce il quadro conoscitivo delle attività estrattive e delle risorse presenti sul territorio (vincoli, siti estrattivi, tipologia di materiali estratti, materiali riutilizzabili, andamento economico del settore, proiezioni di mercato). Produce la stima dei fabbisogni a scala regionale tenendo conto anche del riutilizzo sulla base delle previsioni del Piano Rifiuti, i comprensori estrattivi e gli obiettivi di produzione sostenibile, i giacimenti in cui possono essere localizzate le aree a destinazione estrattiva, i criteri ai fini della localizzazione da parte dei Comuni, i criteri per l'attività estrattiva in relazione alla tipologia di materiale e i criteri per il ripristino ambientale e funzione dei siti estrattivi. Individua gli indirizzi per la valorizzazione dei materiali e per lo sviluppo del sostegno alle filiere produttive, per le attività estrattive con termini, per il recupero ambientale dei siti estrattivi dismessi, scenari e criteri per la coltivazione in galleria.