Toscana, Consiglio approva nuove disposizioni contro ... -2-

Xfi

Firenze, 4 dic. (askanews) - Con la nuova legge viene istituito, presso la Giunta regionale, il coordinamento regionale per la prevenzione dell'usura, composto dal Presidente della Giunta; due consiglieri regionali, uno di maggioranza e uno di opposizione; il dirigente responsabile della struttura competente in materia di prevenzione dell'usura; un rappresentante con esperienza in materia di usura; un rappresentante degli enti locali. Al coordinamento regionale possono essere invitati, senza diritto di voto, anche i rappresentanti degli uffici territoriali del Governo in Toscana, i rappresentanti delle forze dell'ordine, i rappresentanti delle associazioni di categoria, delle associazioni rappresentative dei lavoratori, delle associazioni dei consumatori, delle associazioni di volontariato e delle categorie professionali interessate, nonché i docenti delle Università.

Il coordinamento regionale, che resta in carica 5 anni, svolge funzioni di consulenza nei confronti della Giunta e del Consiglio in materia di usura e sovra indebitamento e la Giunta se ne avvale per indicare gli indirizzi delle attività informative e formative della Regione; coordinare la rete degli sportelli; indirizzare le attività e le linee di intervento.

"L'obiettivo - ha ricordato ancora Bugetti - è quello di seguire con attenzione i fenomeni di allarme sociale provocati dal crescere dell'usura e ridare dignità alle persone". Gli strumenti privilegiati sono gli sportelli antiusura istituiti, o da istituire, presso i Comuni, le Camere di commercio e gli studi professionali. "Per farlo - ha precisato Bugetti - serve investire in formazione del personale e in informazione rivolta ai cittadini". Proprio in questo senso va l'ordine del giorno collegato e approvato dal Consiglio.

Secondo Gabriele Bianchi (M5S), "è importante che le istituzioni migliorino i percorsi con i quali i cittadini possano affrontare problemi gravi come quelli dell'usura". E annunciando il voto favorevole del gruppo sulla legge e sull'ordine del giorno collegato ha aggiunto che un maggior numero di sportelli dedicati ai cittadini e il coinvolgimento di un maggior numero di associazioni "sono una grande evoluzione per dare risposte positive".