Toscana, Consiglio chiamato a discutere di sviluppo sostenibile

Xfi

Firenze, 27 gen. (askanews) - Il Consiglio regionale della Toscana è convocato martedì 28 gennaio alle 15.30 in seduta ordinaria, con continuazione mercoledì 29 dalle 9.30 e per l'intera mattinata. Ad aprire i lavori di martedì pomeriggio la comunicazione della Giunta regionale in merito a "Quadro strategico regionale per uno sviluppo sostenibile ed equo 2021-2027". Tra gli atti la proposta di legge sulla direzione sanitaria negli stabilimenti termali; l'approvazione del bilancio di esercizio 2018 dell'Ente parco regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli; la proposta di deliberazione d'iniziativa dell'Ufficio di presidenza sul Bilancio di previsione finanziario del Consiglio regionale per il triennio 2020-22, per le variazioni conseguenti all'applicazione delle quote vincolate ed accantonate dell'avanzo presunto di amministrazione 2019. Al voto anche la modifica, per iniziativa del M5S, dei criteri per la redazione dei regolamenti sul trasporto non in linea (servizio taxi). In agenda quindi la Comunicazione della Giunta sull'edilizia scolastica in Toscana. Tra i temi oggetto di interrogazioni a riposta immediata, l'Ospedale Santa Verdiana di Castelfiorentino (il portavoce dell'opposizione,Jacopo Alberti); due interrogazioni di Forza Italia (Maurizio Marchetti e Marco Stella) e una di Paolo Marcheschi (FdI) sul virus cinese Coronavirus e i rischi connessi; un'interrogazione della Lega "sull'uso politico dei simboli istituzionali della Regione Toscana nel lancio della campagna elettorale del Signor Eugenio Giani del Partito Democratico" (firmata da Elisa Montemagni, Jacopo Alberti, Luciana Bartolini, Roberto Biasci); i brevetti farmaceutici di "secondo uso. Perimetrazione e analisi critica" (Andrea Quartini, M5S); i costi di gestione dei servizi non sanitari e commerciali dei quattro Nuovi Presidi Ospedalieri Toscani di Apuane, Lucca, Pistoia e Prato (Monica Pecori, gruppo Misto). Molte le mozioni all'ordine del giorno, tra cui quelle riferite al contrasto ai fenomeni di intolleranza e razzismo, antisemitismo, istigazione all'odio e alla violenza. Tra i temi oggetto di mozioni firmate da diversi gruppi politici e quindi collegate, le quote per disabili nelle Rsa; l'inceneritore di Scarlino; la crisi nel settore della produzione dell'olio nel 2019; gli investimenti per la transizione ecologica in particolare delle aree industriali di Piombino, Livorno e Massa Carrara.