Toscana, dal Consiglio 27 premi a imprese per innovazione -2-

Xfi

Firenze , 17 dic. (askanews) - Lo ha confermato Antonio Mazzeo, il segretario dell'Ufficio di presidenza che rivendica "il sostegno per chi vuole scommettere sul futuro: ci sono tante realtà in questa regione che, anche grazie a questa scintilla, hanno iniziato a crescere". Tra i vincitori delle varie edizioni c'è chi ha "utilizzato il premio come utile distribuito ai dipendenti, altri lo hanno investito in nuovi progetti". Mazzeo ha ricordato che "tutto è stato fatto con i risparmi del Consiglio regionale, siamo fieri di avere investito queste risorse e speriamo che anche nei prossimi anni, chiunque guidi la Toscana, continui questa iniziativa".

A tirare le fila della cerimonia la presidente del comitato promotore, Silvia Ramondetta, che ha espresso "grande soddisfazione" per il premio che si è proposto come "marchio di identità per l'innovazione in Toscana". Buoni, secondo Ramondetta, sono i segnali che arrivano da un'imprenditoria toscana "che innova, fa prodotti e progetti che la rendono competitiva nel mondo e che soprattutto affrontano sfide attuali: dalla sanità 4.0 a problematiche che riguardano comunque anche i pazienti, dall'economia circolare ed economia sostenibile". Il Premio, insomma, dà soddisfazione per "quantità e qualità dei progetti", continua Ramondetta, e intercetta un bisogno di innovazione "di cui spesso in Toscana si parla, ma non si fa". Una 'provocazione' raccolta in tempo reale da Mazzeo, che in Gonfalone ha illustrato i capisaldi di una imminente proposta di legge - "nata anche dai rapporti che si sono avviati per il Premio con le aziende" - rivolta alle start up e che coniuga "sostegno diretto, sconti fiscali, costruzione di distretti tecnologici e semplificazione per i bandi regionali".