Toscana, Gelmini: insulti indecenti a Ceccardi, sinistra silente

Rea

Roma, 28 giu. (askanews) - "Quelli di Giani nei confronti della Ceccardi non sono solo insulti beceri e sessisti - indecente definire la candidata del centrodestra alla Regione Toscana 'al guinzaglio di Salvini' - ma evidentemente raccontano di come la donna sia percepita da alcuni uomini: un essere inferiore, sottomesso e quasi addomesticato. Giani dovrebbe solo vergognarsi e chiedere umilmente scusa". Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. "Dispiace constatare il silenzio assordante di tanti esponenti di sinistra solitamente molto sensibili a questi temi. A noi la doppia morale non mai piaciuta", conclude Gelmini.