Toscana, Giunta dovrà avviare un confronto con Poste Italiane

Xfi

Firenze, 9 ott. (askanews) - La Giunta regionale dovrà avviare quanto prima un confronto con Poste Italiane spa per avere un quadro aggiornato sulle reali intenzioni dell'offerta a cittadini e imprese, soprattutto nelle aree interne e montane e nelle località balneari caratterizzate da elevati flussi turistici.

L'impegno è contenuto in una mozione del gruppo Pd, primo firmatario il presidente della commissione Ambiente Stefano Baccelli, approvata dal Consiglio regionale. Nella mozione si invita l'esecutivo a continuare a farsi carico della tutela dei diritti dei cittadini toscani, affinché sia garantito un servizio postale pubblico ed universale su tutto il territorio regionale, in accordo con le rappresentanze istituzionali dei Comuni eventualmente interessati dalla riorganizzazione.

Nel testo si chiarisce che non sono state ancora confermate ufficialmente le notizie sull'esistenza di un Piano nazionale di Poste italiane per una consistente riduzione di servizi e sportelli. C'è molta preoccupazione da parte di sindaci e lavoratori, si legge elencando Comuni della provincia di Lucca quali Castelnuovo Garfagnana, unico ad avere nell'area un servizio postale nel pomeriggio, Forte dei Marmi, Marina di Pietrasanta, Lido di Camaiore.