Toscana, il Consiglio regionale conferisce il Gonfalone d'argento al Milite Ignoto

(Adnkronos) - "Per un soldato come me è una grande emozione ricevere un'onorificenza a nome del Milite ignoto". Con queste parole Rosario Aiosa, generale in congedo dell'Arma dei Carabinieri, medaglia d'oro al valor militare, ha preso nelle sue mani il Gonfalone d'argento del Consiglio regionale della Toscana. Il conferimento della più alta onorificenza dell'Assemblea toscana al Milite ignoto si è svolto questa mattina a palazzo del Pegaso, in una sala del Gonfalone gremita dalle massime autorità militari, da numerosi sindaci toscani e consiglieri regionali.

Alla cerimonia sono intervenuti il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo, il vicepresidente Marco Casucci e il segretario dell’Ufficio di presidenza Diego Petrucci, il presidente regionale di Anci (Associazione Comuni italiani) e sindaco di Prato Matteo Biffoni, Rosario Aiosa, tra i responsabili del progetto "Milite ignoto cittadino italiano", oltre a rappresentanti delle istituzioni civili e militari.

Come ha spiegato Aiosa, il progetto, accolto subito dall’Anci con entusiasmo, prevede il conferimento della cittadinanza onoraria al Milite ignoto da parte dei Comuni italiani. A ora hanno risposto oltre 4300 amministrazioni, conferendo la cittadinanza quasi sempre all'unanimità, e l'obiettivo è arrivare a breve al cento per cento. Il Consiglio regionale ha deciso di attribuire il Gonfalone d'argento, su richiesta del vicepresidente Casucci, del delegato nazionale Unimri (Unione Nazionale Insigniti Ordine al Merito della Repubblica Italiana) Michele Fiaschi e del presidente Mazzeo.

"Ad oggi 146 comuni toscani su 273 hanno risposto all'appello – ha detto il presidente del Consiglio regionale – e il nostro impegno è quello di far rispondere tutti". "Oggi conferiamo la massima onorificenza del Consiglio regionale – ha poi spiegato Antonio Mazzeo – al Milite ignoto per l’elevato valore umano del suo sacrificio, che ha portato a costruire l’identità nazionale". "La Toscana ha pagato un elevato tributo durante la Prima guerra mondiale – ha ricordato ancora Mazzeo -: circa 40 mila dei 650 mila caduti italiani erano toscani. Questo gesto vuole essere un momento di riflessione, vogliamo ricordare ai nostri giovani i valori della nostra comunità, affermati grazie al sacrificio di tanti giovani del passato, rimarcare il ripudio di tutte le guerre e l’impegno delle Forze armate per la sicurezza del nostro paese".

Marco Casucci si è detto "emozionato per questo momento, che riafferma i valori che hanno unito l'Italia". "Anche oggi siamo in guerra – ha aggiunto Casucci – c’è un clima di insicurezza che genera la fuga di disperati che si uniscono ad altri tanti disperati che fuggono dai conflitti nei loro paesi. Solo lavorando tutti insieme per il bene comune possiamo uscirne".

Matteo Biffoni ha sottolineato come "Anci abbia accolto subito con favore l’idea del conferimento della cittadinanza italiana al Milite ignoto, perché è un simbolo dell’unità del paese. Ci sono valori che ci uniscono, al di là della dialettica politica, e che sono alla base della democrazia".

Aiosa ha ricordato come l’iniziativa rientri nell’ambito delle celebrazioni per il centenario del Milite ignoto. Uno dei momenti più evocativi si è avuto lo scorso 2 novembre, con l’arrivo alla stazione Termini a Roma, dopo aver percorso lo storico tragitto del 1921, del Treno della memoria, esattamente cento anni dopo che il convoglio su cui era stata posta la salma del Milite ignoto era giunto da Aquileia a Roma. La salma fu poi traslata, il 4 novembre, nel sacello dell’Altare della patria. Episodio ricordato anche da un breve documentario, elaborato sui materiali Luce, proiettato nella sala del Gonfalone. Questo stesso treno, ha annunciato il generale, ripartirà a ottobre per transitare attraverso tutte le regioni che non sono state interessate dal tragitto originario.

A margine della cerimonia, anche Diego Petrucci ha voluto sottolineare che "in questo momento così complicato è importante rimanere uniti e ricordare che l’Italia è stata costruita con il sacrificio di tanti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli