Toscana, Ispro coordinerà progetto pilota su tumore polmonare

Xfi

Firenze , 20 gen. (askanews) - L'Ispro (Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica) coordinerà il progetto pilota di un programma di screening per il tumore polmonare integrato con la cessazione del fumo, finanziato dal Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie del Ministero della salute, che coinvolgerà quattro Regioni (oltre alla Toscana, Emilia Romagna, Piemonte e Lombardia). Il primo incontro si terrà domani, martedì 21 gennaio, nella sede di Ispro.

"In vista di un possibile programma di screening integrato su base di popolazione - spiega Gianni Amunni, direttore Ispro, - che comprenda sia una misura di prevenzione primaria (cessazione del fumo), sia una misura di prevenzione secondaria (Tc - tomografia computerizzata - a bassa dose), rimangono alcune questioni irrisolte quali: il percorso di arruolamento dei soggetti a rischio, i criteri di selezione dei soggetti a più alto rischio, che sono quelli per i quali è atteso il maggior beneficio dello screening, le modalità e i criteri di lettura del test di screening, la definizione degli standard di qualità delle attività delle strutture coinvolte, l'influenza e l'efficacia dell'intervento di cessazione del fumo ed il possibile ruolo dei biomarcatori ematici e nella saliva".

Il progetto coordinato da Ispro coinvolgerà 6 Unità operative in Toscana, Emilia Romagna, Piemonte e Lombardia, avrà una durata di due anni e arruolerà in Toscana (Firenze e Pisa), Piemonte (Torino) e Lombardia (Milano) fumatori che saranno reclutati con il supporto dei medici di medicina generale o con strumenti informatici, mediante la creazione di uno specifico sito web. I soggetti arruolati saranno invitati a effettuare sia un intervento di prevenzione secondaria rappresentata da una Tc a bassa dose (al momento dell'arruolamento e un anno dopo), sia un intervento di prevenzione primaria, rappresentata da un percorso per la cessazione del fumo. Le informazioni della Tac spirale sulla presenza delle calcificazioni coronariche saranno utilizzate per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Si prevede in questa fase (anche con l'aiuto di un altro progetto approvato dalla Regione Toscana) di arruolare 1.000 persone complessivame nte allo screening polmonare .

L'obiettivo del progetto, i cui risultati in vista di una valutazione di Health Technology Assessment saranno analizzati congiuntamente alla Unità di Epidemiologia dell'Irccs oncologico di Reggio Emilia, è la definizione di un modello organizzativo e operativo di screening polmonare che sia efficiente ed a costi contenuti e che possa pertanto essere replicato nelle strutture di sanità pubblica sul territorio nazionale.