Toscana, Marcheschi: Regione istituisca Garante vittime reati

Xfi

Firenze, 5 ago. (askanews) - Dopo la Lombardia, la Toscana sarebbe la seconda regione italiana che istituisce il Garante per le vittime di reati. E' stata presentata, in Consiglio regionale, la proposta di legge per l'istituzione di tale figura dal consiglieredi Fratelli d'Italia, Paolo Marcheschi. "Quanto vale una vita per il nostro Stato? 7200 euro. Una donna stuprata 4800 euro. Non è possibile pensare -afferma Marcheschi- in questi termini il 'sostegno alle vittime'.

Marcheschi ha sottolineato che "nelle altre regioni siamo ancora in fase embrionale, solo la Lombardia si è mossa istituendolo nel 2019, mentre Piemonte e Liguria stanno accelerando i tempi".

L'avvocato Edoardo Burelli, del Dipartimento nazionale e regionale Giustizia di Fratelli d'Italia, ha elencato alcuni tipologie di reato che il Garante potrà affrontare: "penso all'omicidio e lesioni stradali, all'abbandono di minori e persone incapaci (vedi anziani o persone con disabilità), ai reati sessuali, all'utilizzo dei minori nell'accattonaggio e allo stalking (si registrano a livello nazionale, 9 casi al giorno per eventi di stalking e violenza su minori e donne)", dichiara Burelli.

"La proposta di legge che Fratelli d'Italia presenta oggi - dichiarano Marcheschi e Burelli - pone l'accento nello specifico su tutti i reati associativi per i quali la Toscana vanta un poco lodevole primato con le nuove mafie, in particolare quella cinese. Ricordiamo che quello delle mafie è un mondo ben più articolato e complesso rispetto che viene normato e certamente il Garante potrebbe essere un figura importante per comprenderlo meglio".