Toscana, Marchetti: borracce scolastiche pericolose, ritirarle

Xfi

Firenze, 28 ott. (askanews) - "Le istituzioni si riempiono la bocca col plastic-free, e per farlo riempiono la bocca dei bambini di smalti made in China e di chissà che altri rilasci di sostanze derivanti dalla degradazione in tempi record delle borracce in alluminio distribuite dai gestori del servizio idrico ai bambini delle scuole su tutto il territorio regionale. Ebbene, almeno tra quelle regalate da Publiacqua Spa ce ne sono di difettose: hanno perso scaglie di rivestimento proprio nel punto dove i bimbi poggiano la bocca per bere, e le famiglie sono preoccupate per cosa abbiano potuto ingerire insieme all'acqua". L'appello arriva dal Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti che sul caso delle boracce che si scheggiano ha presentato un question time a cui la giunta toscana dovrà rispondere in aula alla prossima seduta dell'Assemblea toscana.

"Nel dubbio, si ritirino tutte quante". Quante? Tante. "All'inizio dell'Anno Scolastico 2019-2020 - scrive Marchetti nel suo atto - le Aziende di gestione del servizio idrico integrato della Toscana hanno dato vita, nei rispettivi territori di competenza, a iniziative per abbattere l'uso di plastica usa e getta regalando agli alunni e agli studenti in tutto circa 55mila borracce in alluminio. Secondo i dati Confservizi Cispel Toscana, il coinvolgimento di oltre 150 Comuni dovrebbe portare ad evitare l'uso di 130 tonnellate di plastica e al risparmio di oltre 1 milione di euro. In particolare, il gestore Publiacqua Spa ha proceduto a regalare ai circa 12mila bambini di tutte le scuole elementari dei Comuni serviti la borraccia in alluminio da 400ml con il logo dell'Azienda".

Il Capogruppo regionale di Forza Italia non contesta il principio, ma la maldestra applicazione: "Ritenuta condivisibile - scrive infatti - l'intenzione di voler concorrere all'educazione fin dall'età scolare a pratiche differenti dall'ormai abituale 'usa e getta'", ritiene "altresì che la rincorsa al plastic free debba coniugarsi in maniera imprescindibile alla certezza di distribuire soprattutto ai più piccoli contenitori toxic free, prodotti in Italia o in Paesi dell'Unione Europea e non importati lungo la cosiddetta Via della Seta, trattati in modo da non deteriorarsi al ripetuto contatto con la bocca a cui per altro sono deputati".