Toscana, nuovo invito a rispetto divieto abbruciamenti

Xfi

Firenze, 25 mar. (askanews) - Parte dalla Regione Toscana un nuovo invito ai cittadini toscani affinché rispettino il divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali: le condizioni meteo di questo periodo restano infatti molto propizie allo sviluppo di incendi, inoltre l'azione di spegnimento rischia di coinvolgere anche personale impegnato per l'emergenza Covid-19.

L'invito a non bruciare stoppie e altri residui, già trasmesso al momento di formalizzare il divieto per il periodo 21-31 marzo, è stato rinnovato oggi a seguito dei 2 incendi di significative dimensioni che hanno interessato il comune di Bagni di Lucca (6 ettari) e di Camaiore (almeno 18 ettari).

"Visto il protrarsi della criticità meteo anche ai prossimi giorni - ha detto l'assessore regionale a agricoltura e foreste Marco Remaschi - si richiede ai cittadini la massima collaborazione. Abbiamo provveduto a potenziare i servizi operativi Antincendio sul territorio attivando ulteriori squadre, ma occorre l'impegno di tutti al rispetto delle norme per evitare qualsiasi principio di incendi, data anche l'emergenza corona-virus in corso che vede impegnati molti dei nostri volontari in attività di protezione civile. Ricordo anche che siamo in un periodo storicamente ad alto rischio incendi per la nostra regione, come dimostrano gli oltre mille ettari percorsi dal fuoco nei mesi di febbraio e marzo dello scorso anno".