Toscana, ok a mozione di Marchetti per futuro Beakert Figline

Xfi

Firenze, 23 ott. (askanews) - La Regione dovrà rendere più incisivo il proprio impegno sulla vertenza Bekaert di Figline Incisa e «sollecitare il Governo ad attivarsi nella ricerca di un piano di industrializzazione o di altre misure che scongiurino i licenziamenti dei 224 lavoratori attualmente in cassa integrazione straordinaria»: questo il frutto dell'approvazione unanime, da parte del Consiglio regionale della Toscana, della mozione presentata dal Capogruppo di Forza Italia nell'Assemblea toscana Maurizio Marchetti che da sempre segue l'evolversi della vertenza avviatasi nel giugno 2018 con l'annuncio, da parte della multinazionale belga, di voler chiudere lo stabilimento di componentistica per auto di Figline Incisa. L'11 ottobre scorso, l'azienda aveva fatto sapere di voler avviare le procedure di licenziamento per i lavoratori attualmente nell'ultimo scorcio di cassa integrazione. Per questo Marchetti, già autore di varie interrogazioni alla giunta toscana sullo stato dell'arte dei tavoli ministeriali e della ricerca di acquirenti, ha scelto di accelerare l'impegno regionale attraverso una mozione. Il voto di pochi minuti fa gli ha dato ragione: «Secondo il verbale del tavolo al Ministero per lo sviluppo economico della scorsa estate - ricorda Marchetti - manifestazioni di interesse erano emerse. Vanno esplorate. Ogni strada possibile va battuta per centrare il risultato di non mandare a casa ulteriori 224 lavoratori. Dietro questo numero ci sono le persone con le loro famiglie, nuclei che fanno parte di un tessuto sociale e di una comunità per la quale una simile mazzata sarebbe difficilmente sostenibile. Bisogna tentare il tutto per tutto».