Toscana, a Palazzo Vecchio i simboli di Cosimo in opere di Penko

Xfi

Firenze , 23 dic. (askanews) - Tre importanti simboli del potere di Cosimo I de' Medici: il Collare del Toson d'oro, lo Scettro e la Corona granducale. Realizzati dal maestro orafo fiorentino Paolo Penko, sono visibili nella sala delle Udienze del Museo di Palazzo Vecchio, a Firenze, nell'ambito del percorso "Nel palazzo di Cosimo. I simboli del potere" ideato e curato da Carlo Francini e Valentina Zucchi. Un progetto speciale che intreccia linguaggi diversi per evidenziare lo strettissimo legame che Cosimo I de' Medici ebbe con il "suo" palazzo ducale. L'iniziativa, a cura di Comune di Firenze e MUS.E in collaborazione con Paolo Penko e Fondazione Arte della Seta Lisio rientra nelle Celebrazioni per il Cinquecentenario dalla nascita di Cosimo I e Caterina de' Medici, promosse da un Comitato organizzatore costituito da oltre venti istituzioni culturali cittadine e coordinato dal Comune di Firenze.

"Da anni coltivavo il desiderio di realizzare la corona per Cosimo I - spiega Paolo Penko -. Avevo vent'anni quando ho iniziato a ricreare elementi legati alle arti visive, all'architettura, agli eventi storici e culturali del nostro territorio, con la volontà di rendere omaggio ai grandi maestri. L'idea della corona risale a sei anni fa, quando la BBC mi chiese di studiare e di ricreare il Toson d'oro e un dettaglio della corona per un documentario sui simboli del potere. Era una grande sfida: un lavoro importante per il quale servivano tempo, studio e ricerca. Grazie all'occasione del cinquecentenario della nascita di Cosimo de' Medici, e all'idea di Carlo Francini di realizzare il percorso dedicato al Granduca Cosimo in Palazzo Vecchio, iniziai a lavorare al progetto insieme a mia moglie, ai miei figli e a tutti i giovani collaboratori, partendo dalla ricerca iconografica: ritrovare tutte le immagini dove erano rappresentate le corone, i testi in cui se ne parlava, per mettere insieme una forma e portare avanti una scelta stilistica precisa. Non si trattava di fare una copia perché la corona non esiste più, fu fusa immediatamente: si è trattato di ridarle vita, prendendo come riferimento la bolla di Pio V che la illustra".