Toscana, presentata mostra mercato tartufo bianco di San Miniato

Xfi

Firenze, 5 nov. (askanews) - Cooking show, degustazioni, lezioni di cucina, consegna dell'onorificienza enogastronomica della città dove protagonista è il tartufo bianco di San Miniato. Sabato 9 novembre alle 11 in piazza del Duomo a San Miniato in provincia di Pisa, taglio del nastro della 49esima mostra mercato che compie mezzo secolo.

"La più antica e prestigiosa mostra mercato del tartufo nella nostra regione - ha detto il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani - Oggi San Miniato è con Alba la capitale italiana del tartufo bianco. La Toscana, insieme a Piemonte e Marche, è una delle tre regioni cardine". "Questo Consiglio regionale - ha aggiunto Giani - ha lavorato molto sul tema, siamo arrivati a iniziative legislative sulle problematiche dei tartufi, e lo farà nel futuro perché parlare di tartufo significa parlare di produzione agricola ma anche di rispetto per l'ambiente".

L'inaugurazione sarà sabato 9 con la sfilata degli sbandieratori della Cavalcata dell'Assunta di Fermo con partenza dal palazzo comunale e arrivo in piazza Duomo, dove Gioacchino Bonsignore presiederà la cerimonia di apertura e l'incontro di San Miniato con 'Tipicità', ovvero le eccellenze gastronomiche e culturali di Fermo, Porto Recanati, Recanati e Sant'Elpidio a Mare presenti con i loro amministratori. Le nuove alleanze culturali tra il Tirreno e l'Adriatico si concretizzeranno in poesia con l'incontro tra 'L'Infinito' di Giacomo Leopardi da Recanati (a 200 anni dalla composizione della poesia) e 'Le Rime' di Giosué Carducci da S. Miniato.

"Si tratta di uno degli appuntamenti più attesi in Toscana, ma non solo, anche a livello nazionale e internazionale - ha detto Simone Giglioli, sindaco di San Miniato -. È la 49esima edizione - ha precisato il sindaco - ma dalla prima che si svolse nel 1969 sono passati 50 anni, un anno, infatti, a causa di un problema economico non si svolse la mostra mercato". Sulla stagione del tartufo, Giglioli ha detto "come qualità promette bene anche se il prezzo sta subendo un'impennata", riguardo, invece, al periodo di raccolta, "la stagione, per come è il clima adesso, finisce troppo presto, dal 31 gennaio andrebbe prorogata almeno a fine febbraio".