Toscana, presentata prossima edizione di Buy Wine

Xfi

Firenze, 3 feb. (askanews) - "C'eravamo presi l'impegno, lo scorso anno, di non lasciare nessuna azienda vitivinicola toscana che desiderasse partecipare al Buy Wine Toscana e così è stato: tutte le aziende che producono e commercializzano il vino in Toscana, e che hanno risposto al bando, sono state ammesse alla manifestazione che si terrà il prossimo weekend a Firenze. Questo è un dato importante che evidenzia non solo la capacità organizzativa della Regione, insieme alla Camera di Commercio di Firenze e a Fondazione Sistema Toscana, ma anche e sopratutto la dinamicità del sistema vitivinicolo ed enologico toscano". Lo ha affermato, presentando la decima edizione del Buy Wine Toscana nella mattinata di oggi, lunedì 3 febbraio, a Palazzo Strozzi Sacrati, l'assessore regionale all'Agricoltura, Marco Remaschi, che ha poi specificato: "Quello che va dal BuyWine Toscana fino alle Anteprime di Toscana, quest'anno, è un programma ricco ed articolato, un programma che è venuto incontro non solo alla partecipazione degli operatori, dei produttori e della stampa specializzata, ma anche del grande pubblico e dei consumatori".

Il Buy Wine Toscana si svolgerà venerdì e sabato prossimi, 7 ed 8 febbraio, alla Fortezza da Basso di Firenze. All'edizione 2020 saranno presenti circa 260 aziende vitivinicole toscane ed oltre 220 buyer provenienti da circa 50 Paesi. Oltre ai mercati consolidati, quali quelli di Canada, Stati Uniti, Paesi scandinavi, Brasile, Singapore e Hong Kong, restano stabili le presenze dei buyer provenineti da Giappone, Taiwan e Corea del Sud, mentre tra le new entry sono da evidenziare operatori in arrivo da Angola, Bulgaria, Repubblica Dominicana, Ecuador, Malesia, Portogallo, Romania ed Uruguay.

La settimana successiva, sabato 15 febbraio, con PrimAnteprima si inaugurerà la settimana delle Anteprime di Toscana. Tra le novità del 2020, ci sarà la rassegna cinematografica Ciak and Wine che si svolgerà al Teatro della Compagnia e di Firenze nelle serate dall'8 al 10 febbraio, oltre ad un convegno sul rapporto tra architettura del vino ed enoturismo in Santa Apollonia il 14 febbraio.

L'assessore Remschi, dopo aver ringraziato gli uffici regionali e gli altri organizzatori per l'impegno profuso, ha "ringraziato le aziende e in particolare le piccole aziende vitivinicole toscane per l'alta adesione data a questa manifestazione".