Toscana, presentata stagione cultura Comune Barberino Tavarnelle

Xfi

Firenze , 14 gen. (askanews) - Storia e disegno, arte e pittura, scultura, fumetto e, su tutto, il respiro dell'arte contemporanea. E' stata presentata questa mattina, martedì 14 gennaio, in palazzo del Pegaso la stagione culturale del Comune di Barberino Tavarnelle: 'Palazzo Malaspina exhibitions 2020'.

A far gli onori di casa il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani. Con lui il sindaco David Baroncelli e l'assessore alla cultura di Barberino Tavarnelle, Giacomo Trentanovi.

"Il calendario che offre anche quest'anno la stagione di Palazzo Malaspina fa di Barberino Tavarnelle un polo culturale di indiscussa qualità, rappresentando al meglio la sintesi di un comune che da un lato dona ottimi prodotti per la terra, dall'altro promuove eventi di natura comunitaria importantissimi". Giani elogia "questo impegno", definito "l'esempio di una Toscana che scommette sulla cultura come leva di attrazione turistica per tutta la nostra regione, e non solo per le grandi città"

Nello storico edificio, nel cuore di San Donato in Poggio, la stagione del Malaspina sarà aperta da una collettiva, sabato 18 gennaio alle 17, con la mostra "Teste per aria piedi per terra": in un'unica esposizione saranno visibili oltre 50 tra i capolavori più celebri di alcuni dei nomi più conosciuti, a livello nazionale e non solo, nel mondo della 'narrazione illustrata'. Tra questi Arianna Papini, Fuad Aziz e Cecco Mariniello. La mostra sarà visitabile fino al 29 marzo.

"Accoglieremo un anno di eventi che intreccia diverse forme espressive - precisa il sindaco Baroncelli - confermando una cifra stilistica in questi anni apprezzata da migliaia di visitatori. Il talento di narrare le storie di alcuni dei più noti illustratori del mondo, riesce a toccare le corde emotive dell'infanzia e dell'adolescenza, offrendo uno strumento di crescita educativa e sociale". La comunità, continua il sindaco, " ha mostrato una particolare sensibilità per questo genere artistico, anche grazie alla presenza e alla partecipazione attiva delle scuole dove gli artisti su nostra richiesta hanno organizzato laboratori, incontri e seminari con gli studenti".