Toscana, presentato un testo di Margara su carcere e giustizia -2-

Xfi

Firenze, 29 lug. (askanews) - E sulla polemica politica che ha innescato, Corleone è ancora più chiaro: "Un surplus di accanimento. Se non si ha la concezione del diritto e dei diritti, ma ci si abitua solo all'uso della forza, si procede su un terreno estremamente pericoloso. Sentire frasi - ha continuato il Garante toscano - in cui si afferma che bisogna far marcire in carcere le persone è grave. Va contro i principi della Costituzione". Anche per questo il pensiero di Margara "può insegnare tanto". Il suo "disubbidire alle leggi ingiuste e razziste" è l'appello che Corleone ha lanciato per celebrare sì il grande magistrato, ma anche per "segnare un impegno: rileggere Margara ci aiuta a essere preparati rispetto a un tempo duro, fatto di odio e discriminazione".

In sala anche il difensore civico della Toscana, Sandro Vannini, che ha ricordato l'intensa collaborazione tra i due uffici in ambito sociale e di "applicazione della libertà". "Lavoriamo per la tutela dei cittadini, per la garanzia dei loro diritti e di verifica di situazioni delicate", ha detto. Su questo si è inserita Camilla Bianchi, garante regionale per l'infanzia insediata di recente: "Il sistema può avere delle falle. Il nostro compito è prevenire, non distogliere mai l'attenzione e arginare quanto più possibile situazioni gravissime", ha detto riferendosi a quanto sta accadendo a Bibbiano."È fondamentale aspettare che la magistratura faccia il suo corso perché anche così garantiamo coloro che sono il nostro futuro". Ad ascoltare la rilettura del pensiero di Margara, anche il presidente del Comitato regionale per le comunicazione Enzo Brogi.