Toscana, prosegue iter pdl figura amministratore di sostegno

Xfi

Firenze , 5 feb. (askanews) - Prosegue in commissione Sanità, presieduta da Stefano Scaramelli (Iv), il lavoro sulla proposta di legge "Disposizioni per la promozione della figura dell'amministratore di sostegno". Questa mattina si è tenuta, sull'argomento, l'audizione del vicepresidente del Coordinamento toscano delle associazioni per la salute mentale Galileo Guidi.

La norma vuole promuovere e diffondere la figura dell'amministratore di sostegno, introdotta nel 2004, che rappresenta uno strumento di protezione delle persone prive in tutto o in parte dell'autonomia di agire, "offrendo loro garanzie per la qualità di vita attraverso il riconoscimento e il rispetto delle loro aspirazioni, la legittimazione a rappresentare i loro bisogni, il governo dei loro interessi". Durante l'audizione Galileo Guidi, pur dicendosi favorevole alla figura, ha fatto presente come, dai dati in possesso delle associazioni, nell'ultimo periodo le nomine di amministratori di sostegno dal Tribunale di Firenze siano in grande aumento, toccando quota 1000 ogni anno. "Ci domandiamo - ha detto Guidi - che cosa stia accadendo". Per questo il Coordinamento toscano propone un monitoraggio dei dati e della situazioni, e ha chiesto che nel testo di legge sia previsto anche il coinvolgimento delle associazioni di familiari e utenti e del terzo settore.

Richieste che il presidente Scaramelli ha giudicato legittime e accoglibili. Nei prossimi giorni dunque saranno studiati gli ultimi ritocchi alla proposta, che sarà licenziata nella prossima seduta di Commissione.