Toscana, raddoppio Pistoia-Montecatini sta rispettando i tempi

Xfi

Firenze, 5 ago. (askanews) - Realizzate circa l'80% delle opere ferroviarie, equivalenti a circa il 65% del totale dell'importo economico del progetto, necessarie per il raddoppio della tratta Pistoia-Montecatini. I lavori vanno avanti. Il cronoprogramma, che prevede la conclusione dei lavori sulla prima tratta e l'avvio dei servizio commerciale nel 2020, è stato per ora rispettato, malgrado si registri un leggero scostamento dai tempi previsti nell'escavo della nuova galleria di Serravalle da uno degli imbocchi, dovuto alla necessità di studiare ed adottare nuove tipologie di scavo più adatte al versante; gli scavi procedono regolarmente dagli altri imbocchi e ad oggi resta da scavare un ultimo tratto di circa 415 mt, mentre 860 mt sono già stati scavati.

Al cantiere sono presenti in media 100 operai, con punte fino a 250 lavoratori nei momenti di interruzione dei servizi ferroviari (come è avvenuto - e sta avvenendo - tra luglio e settembre negli anni 2017-2018-2019 ed è programmato per il 2020).

Questo è quanto hanno potuto appurare l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, i consiglieri regionali Stefano Baccelli e Marco Niccolai ed i sindaci di Serravalle Pistoiese e Pieve a Nievole, che insieme a rappresentanti di Rete Ferroviaria Italiana hanno effettuato un sopralluogo al cantiere.

"Credo - ha detto Ceccarelli - che opere come questa dimostrino chiaramente quanto la Regione sia vicina ai territori e quanto davvero stia investendo per rendere possibile una mobilità più sostenibile, che mette al centro il treno integrando la programmazione ferroviaria con quella dei servizi su gomma".

"Un imprevisto geologico - ha spiegato l'assessore - emerso durante i lavori per la galleria sta comportando un ritrado di alcuni mesi rispetto a quanto inizialmente rpevisto, ma si tratta di un ritardo lieve coinsiderando la mole compessiva dell'opera, che comporta un investimento da quasi 500 milioni. Siamo soddifatti di vedere oggi che, nonostante questo intoppo, i lavori vanno avanti in maniera visibile ed il raddoppio sta finalmente prendendo forma, in tempo per entrare in esercizio nel 2020".

Per quanto riguarda il successivo lotto di 25 km da Pescia a Lucca, l'assessore ha ricordato che il progetto è al vaglio del Consiglio superiore dei lavori pubblici. L'iter autorizzatorio dovrebbe consludersi entro l'estate del prossimo anno e da lì partirà la fase di gara e successivamente la realizzazione dell'opera. "Il prossimo cantiere - conclude Ceccarelli - dovrebbe durare circa 36 mesi, per cui ci aspettiamo che il secondo tratto di raddoppio venga completato nel corso del 2024. Nle frattempo saranno conclusi anche tutti i lavori di potenziamento tecnologico del tratto Montecatini-Pescia".