Toscana, torna il piano redistribuzione eccedente alimenta

Xfi

Firenze, 29 ago. (askanews) - La Regione Toscana ha messo a punto negli anni una serie di interventi per combattere povertà e disagio sociale, raccolti e sistematizzati nel Piano regionale di contrasto alla povertà varato un anno fa, nel settembre 2018. Tra questi interventi, la redistribuzione delle eccedenze alimentari, già portata avanti con successo nello scorso triennio 2016-2018, con la collaborazione di terzo settore e grande distribuzione.

L'iniziativa viene replicata per il triennio 2019-2021, inserendola in un più ampio programma che prevede anche progetti per la diffusione di una corretta cultura della nutrizione, e per la formazione professionale a sostegno delle attività di recupero. Nella sua ultima seduta la giunta regionale ha approvato, con una delibera proposta dell'assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi, il programma triennale, lo schema di convenzione e la prenotazione di risorse per 150.000 euro per il triennio 2019-20121: 50.000 ogni anno.

La convenzione verrà sottoscritta tra Regione, enti del terzo settore (nel precedente triennio Associazione Banco Alimentare della Toscana onlus e Conferenza Episcopale - Caritas Toscana) e soggetti della grande distribuzione (nel precedente triennio Unicoop Firenze, Conad del Tirreno, Esselunga spa), con i quali la Regione ha realizzato nel triennio 2016-2018 il progetto "Spesa per tutti".