Toscana, via libera a Rendiconto generale 2019

Xfi

Firenze, 30 lug. (askanews) - L'esercizio finanziario 2018, che presenta entrate e uscite definitive pari a 18miliardi e 620,33milioni di euro, si chiude con un disavanzo di amministrazione di 2miliardi e 268,94milioni, derivato da un saldo finanziario di -476,15milioni ed un avanzo vincolato scritto di nuovo in bilancio di 1792,79 milioni di euro.

I dati emergono dal Rendiconto generale finanziario 2018, approvato a maggioranza dall'aula, con votazione per appello nominale: 24 voti a favore (Pd, gruppo misto-Art.1/Mdp), 14 voti contrari (Lega, M5s, Forza Italia, FdI, gruppo misto/Tpt)), 2 voti di astensione (Sì-Toscana a sinistra). Il disavanzo di amministrazione ha registrato un costante miglioramento dal 2015, con una riduzione di un miliardo 234,99milioni di euro in tre esercizi finanziari. Il risultato economico dell'esercizio 2018 si chiude con un utile pari a 570,84milioni di euro, in sensibile aumento rispetto all'anno precedente che registrava 267,65milioni di euro. Il miglioramento dei risultati della gestione è dovuto prevalentemente alla revisione dei residui attivi, passivi e perenti, all'acquisizione a titolo gratuito di immobilizzazioni, a maggiori entrate per manovre tributarie degli anni precedenti. Il risultato economico, depurato della parte straordinaria, presenta un saldo di 326,43milioni di euro, con un miglioramento dell'equilibrio economico di 92,01milioni di euro rispetto al precedente esercizio.

La gestione dei residui si caratterizza per un saldo negativo di circa 40milioni di euro, dovuta essenzialmente alla cancellazione di alcuni residui attivi relativi alla tassa auto, versata da contribuenti toscani, ma incassata da altre regioni, che non sarà compensata per effetto di una decisione assunta in Conferenza Stato Regioni.