Total Energies vende la sua quota in Russia. L'azienda è accusata di rifornire gli aerei di Mosca

L'azienda francese TotalEnergies ha annunciato venerdì 26 agosto di aver raggiunto un accordo con il partner russo Novatek per la vendita della sua partecipazione del 49% in Terneftegaz, che gestisce il giacimento di gas Termokarstovoye in Russia.

Benzina alla macchina da guerra russa

Un'operazione finanziaria controversa, da cui l'immagine di TotalEnergies, unica azienda del suo campo ad essere rimasta in Russia dopo l'inizio dell'invasione, esce tutt'altro che intonsa.

Il gigante francese è stato accusato dal quotidiano Le Monde e dalla Ong Global Witness, di partecipare a un'azienda che fornisce benzina alla macchina da guerra del Cremlino.

Le Monde è riuscito a tracciare la catena di approvvigionamento dal giacimento di gas di Termokarstovoye, in Siberia, fino a due basi aeree militari (Morozovskaya e Malchevo), ognuna delle quali ospita una squadriglia di aerei da combattimento.

Proprio questi aerei sono accusati da Amnesty International e Human Rights Watch di aver commesso il bombardamento del teatro di Mariupol, che si ritiene abbia causato la morte di circa 600 persone.

Un "crimine di guerra provato", secondo Amnesty International.

Dalla Siberia a Mariupol, il gas come un'arma

Il gruppo francese minimizza il proprio ruolo nello sfruttamento del condensato di gas: "TotalEnergies non è un operatore degli impianti di Terneftegaz, che sono gestiti dal personale di Novatek", si difende l'azienda.

"Non partecipa alle decisioni sulla valutazione del condensato da parte di Novatek" e non ha "alcun controllo sulle sue vendite".

L'azionista di maggioranza Novatek è l'unico a prendere tutte le decisioni con il 51% delle azioni della joint venture, si chiede Le Monde?

"Le soglie di maggioranza dipendono dalla natura delle decisioni", ammette TotalEnergies, riconoscendo di fatto di essere in grado di bloccare alcune decisioni.

Secondo i dati raccolti dal quotidiano, la base militare di Morozovskaya ha ricevuto un carico di cherosene dalla raffineria di Omsk, che si rifornisce di condensato di gas co-prodotto da TotalEnergies, solo due giorni prima dell'inizio della guerra, per la prima volta in cinque anni.

Ventidue giorni dopo ha avuto luogo il massacro del teatro di Mariupol.