Toti alle opposizioni: Liguria cresce, se ne facciano una ragione

Red/Gtu

Roma, 17 dic. (askanews) - "Dati scelti in modo totalmente arbitrario per negare ancora una volta la realtà", così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha commentato le cifre fornite dalle opposizioni sul bilancio ligure, sottolineando: "La Liguria cresce, se ne faccianouna ragione".

"Sul fronte dei fondi europei stiamo superando tutti gli obiettivi di spesa per quanto riguarda l'Fse, il Fondo sociale europeo: siamo a 99 milioni di spesa certificata a fronte degli 87 posti come target dall'Unione Europea. Siamo stati così bravi a spendere i soldi che a giugno ci è stata data una premialità di ulteriori 21 milioni, e questa non è una cosa che succede proprio a tutti", sottolinea Toti; e "non è aggiornato neanche il dato sulla progressione del Programma di sviluppo rurale che non è al 35,7% come affermano i Cinque Stelle ma al 40%".

"In fatto di dati sbagliati - continua Toti - anche il Pd non scherza, affidandosi a stime del Pil di Prometeia che vengono normalmente usate sul lungo periodo e che non servono sulle analisi di breve periodo. Per esempio vorrei informarli, se non se ne fossero accorti, che uno degli asset industriali fondamentali dell'export della nostra Regione è la cantieristica, il cui andamento è discontinuo per natura, a seconda che le navi siano consegnate, allestite o varate".

"Sono sbagliati anche i dati sul turismo - sottolinea Toti - nei primi 10 mesi abbiamo registrato un +1,17% di arrivi rispetto al 2018, con un +10,8% tra stranieri e italiani nel solo mese di ottobre. Cresciamo: certo magari in Italia c'è qualche regione che cresce di più, ma di sicuro non si ritrova nella nostra drammatica situazione infrastrutturale".(Segue)