Toti e il tweet su anziani morti di covid: bufera e precisazione

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Un tweet di Giovanni Toti, governatore della Liguria, innesca una valanga di reazioni. "Per quanto ci addolori ogni singola vittima del Covid19, dobbiamo tenere conto di questo dato: solo ieri tra i 25 decessi della #Liguria, 22 erano pazienti molto anziani. Persone per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese che vanno però tutelate", scrive il presidente della regione. Il messaggio scatena una lunga serie di commenti e proietta #Toti al vertice tra le tendenze. Poco dopo, lo staff del governatore corregge il tiro: "Il senso di questo tweet, che appartiene a un ragionamento più ampio, è stato frainteso. I nostri anziani sono i più colpiti dal virus, sono persone spesso in pensione che possono restare di più a casa e essere tutelate di più".

"Sarebbe folle chiudere in casa tanti italiani per cui il Covid19 normalmente ha esiti lievi, bloccare la produzione del Paese, fermare scuola e futuro dei nostri giovani e non intervenire invece su coloro che rischiano davvero. Speriamo ci sia saggezza stavolta e non demagogia. Proteggendo i nostri anziani di più e davvero, la pressione sugli ospedali e il numero dei decessi diventerebbero infinitamente minori", scrive Toti in altri tweet.