Toti: persi 444 mila posti lavoro, a Paese serve modello Liguria

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Genova, 2 feb. (askanews) - "Mentre a Roma tentano di salvare le poltrone, i dati Istat ci riportano alla triste realtà: la pandemia nel 2020 ha cancellato 444 mila posti di lavoro, nel nostro Paese a dicembre l'occupazione è tornata a calare, con 101 mila lavoratori in meno, di cui oltre il 90% sono donne. Numeri allarmanti, soprattutto se pensiamo che i licenziamenti in Italia sono bloccati solo fino a marzo". Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti.

"Intanto - prosegue Toti - sui giornali leggiamo che servono 8 mesi e le autorizzazioni da sei enti diversi solo per aprire un cantiere per la banda ultralarga, praticamente un terzo del tempo che ci abbiamo messo per restituire a Genova un nuovo ponte, dopo il crollo del Morandi. In questo momento così difficile - conclude il governatore - al Paese serve un modello Liguria, dove le opere si realizzano davvero e in fretta e gli amministratori si assumono le loro responsabilità. Basta discutere di riforme e di provvedimenti solo a parole, se l'Italia vuole cambiare deve farlo partendo da qui, con i fatti".