Toti: primarie Fi aperte o pronte mie dimissioni da... -2-

Vep

Roma, 31 lug. (askanews) - Toti considera quindi "inaccettabile l'accusa di tradimento verso di me, tanto mi sono disimpegnato che ho accettato dal presidente Berlusconi una carica di coordinatore, l'ho accettata solo perchè faceva parte di un grande processo di cambiamento che doveva iniziare subito, a giugno".

"Mi sono impegnato, ho fatto proposte, ho chiesto a Fi di superare se stessa e pensare a un contenitore più ampio e più grande, ho chiesto che la classe dirigente che ha contribuito a distruggere il partito fosse almeno congelata e poi giudicata - ha aggiunto Toti - e invece si congelano poltrone a proprio vantaggio. Non ho chiesto cose eclatanti ma la normalità per affrontare una crisi strutturale e profonda come quella che il partito sta vivendo. Ho chiesto primarie aperte, la commissione di garanzia, ho chiesto un partito aperto dove nessuno si senta escluso. Tutto questo finora è diventato qualcosa di eversivo".