Toti tira dritto: "Ora costruire il futuro"

webinfo@adnkronos.com

Giovanni Toti ormai guarda oltre Forza Italia. Dopo essere stato 'azzerato', insieme a Mara Carfagna, dalla carica di coordinatore nazionale, superata dal nuovo coordinamento nazionale a 5, il governatore ligure non ci pensa, per adesso, a lasciare il partito, ma va avanti con il suo progetto politico. "Adesso è il momento di costruire il futuro, siamo pronti!', scrive sulla sua pagina Facebook prima della diretta on line. Poi inizia a parlare, annunciando che dal 2 settembre partirà il tour regionale di 'Cambiamo insieme' per lanciare il suo progetto politico, rivolto ai moderati di centrodestra, alleato della Lega salviniana e di Fdi. Il governatore ligure chiuderà il 'giro' a Bari il 5 ottobre e coprirà tutta l'Italia, dal Nord al Sud. 

"Non ci fermiamo. Con il tour 'Cambiamo insieme' vogliamo cambiare il centrodestra non gli altri partiti. Vogliamo dire che siamo di centrodestra, che noi saremo alleati di Salvini e Meloni e non vogliamo un partitino di centro che scelga di andare a seconda della convenienza...'', afferma su Fb.''Oggi -dice il governatore ligure- è venuto il momento di ricominciare e di iniziare a costruire qualcosa di nuovo... Per tanto tempo abbiamo provato a fare qualcosa di diverso, ma non ci siamo riusciti. Grazie per i tantissimi messaggi arrivati sui social per sostenerci e soprattutto per dirci una cosa molto importante: andare avanti...". "Da un punto di vista umano e anche politico -assicura- è davvero doloroso quello che è successo, ora dobbiamo guardare dritto negli occhi il futuro e non cullarci nella nostalgia del passato".  

24 ore dopo lo strappo, l'ex consigliere politico del Cav torna poi a bocciare l'Altra Italia': ''Eravamo partiti per fare una alleanza di centrodestra, che potesse governare il paese e ridare smalto ai moderati all'interno del centrodestra, abbiamo fatto l'Altra Italia, che è una specie di Federazione di centro, che somiglia un po' a quei cespuglietti post- democristiani, che si alleano con chi conviene Pd o Lega, a seconda della bisogna...''.