Toyota C-HR restyling, come va il nuovo 2.0 ibrido

redazione@motor1.com (Giuliano Daniele)
Copertina Toyota C-HR restyling, come va il nuovo 2.0 ibrido

Le novità più evidenti sono i fari a LED e la compatibilità Apple e Android, ma si guida anche meglio.

La Toyota C-HR è un modello che ha creato un prima e un dopo nella storia recente del marchio giapponese. Con il suo design di rottura rispetto alla tradizione dell’azienda ha conquistato nuovi clienti trasmettendo questo nuovo linguaggio di stile sulle auto arrivate dopo, come la Toyota RAV4 o la Toyota Corolla.

Inoltre ha fatto debuttare sul mercato la nuova piattaforma telaistica chiamata TNGA e la quarta generazione della tecnologia ibrida dei motori Toyota. Quello che vedete nelle immagini è il restyling della Toyota C-HR, guidata in questa prima prova sulle strade costiere a ovest di Lisbona, nel parco naturale di Sintra-Cascais.

Com’è Fuori

Le linee della C-HR sono invecchiate bene nel tempo, essendo state disegnate con coraggio già sul modello originale. Con il restyling vengono introdotti nuovi fari anteriori full Led, dotati di luci diurne e indicatori direzione di forma diversa, ma il frontale cambia anche perché c’è un nuovo paraurti, che fa sembrare più larga la macchina, grazie anche al riposizionamento dei fari fendinebbia.

Le luci a Led modificano l’aspetto anche dei fanali posteriori e, in generale, sulla carrozzeria sono stati inserite diverse finiture in nero lucido. I dettagli degli interventi li potete leggere nell’articolo dedicato alle novità della Toyota C-HR restyling 2020.

2020 Toyota C-HR

Com’è Dentro

L’abitacolo della nuova C-HR mantiene l’originalità delle forme romboidali presenti in molte parti degli interni, con un ripensamento dei materiali disponibili per i rivestimenti in pelle o in alcantara. Un aggiornamento importante è quello che riguarda l’integrazione con gli smartphone, ora che il sistema infotelematico ha la compatibilità con Apple Car Play e Android Auto.

Non sono migliorati, però, gli spazi portaoggetti della plancia per il telefono, così come la zona dei sedili posteriori e il bagagliaio (358 litri di capacità minima) restano meno spaziose e pratiche rispetto a concorrenti con ingombri esterni simili.

2020 Toyota C-HR

Piacere di guida

Con il restyling la C-HR aggiorna la motorizzazione 1.8 ibrida da 122 CV, che ora ha batterie a ioni di litio, aggiungendo all’offerta anche un 2.0 ibrido da 184 CV, protagonista di questo test drive. La maggiore cilindrata del 4 cilindri benzina a ciclo Atkinson e il contributo più deciso dell’elettrico permettono di guidare in maniera più efficace e silenziosa.

Tenendo costante il piede sull’acceleratore, infatti, il propulsore termico sale meno di giri rispetto ad altri ibridi Toyota. A migliorare con il restyling è anche la risposta del servosterzo elettrico e del pedale del freno, entrambi rivisti nelle tarature.

2020 Toyota C-HR

Comfort

In aggiunta alla capacità del nuovo sistema ibrido di far funzionare il motore a benzina a bassi giri c’è da considerare anche il lavoro che i tecnici hanno fatto in termini di NVH (Noise Vibration and Harshness).

In pratica, durante la prova la macchina si è dimostrata isolata meglio dall’esterno soprattutto a livello di fruscii aerodinamici, mantenendo l’assorbimento su i livelli - buoni - dell’attuale generazione di C-HR.

2020 Toyota C-HR

A proposito di C-HR

Curiosità

Il modulo ibrido è in grado di garantire una guida con il motore termico spento fino all’80% del tempo in città, un dato ricavato anche da test indipendenti fatti svolgere da alcune università. Il 4 cilindri a benzina è un propulsore a corsa lunga, ottimizzato nella gestione della combustione e nel rendimento volumetrico, cosa che permette di raggiungere un’efficienza termica complessiva del sistema superiore al 40%.

Offrendo anche la possibilità di veleggiare con il motore elettrico fino a 120 km/h. E fra le funzioni di connettività disponibili c’è anche un’app per il telefono che fa da istruttore virtuale, per suggerire come migliorare il proprio stile di guida e sfruttare meglio l’ibrido in termini di consumi.

Quanto Costa

La nuova Toyota C-HR con motore 2.0 ibrido e garanzia estesa a 10 anni ha un prezzo di lancio di 28.500 euro, comprensivo di una riduzione di 4.750 euro in caso di permuta o rottamazione.

È anche possibile scegliere la formula Pay per Drive Connnected che prevede un anticipo di 8.400 euro e una rata di 225 euro. Per il resto della gamma, dunque anche per la motorizzazione 1.8 ibrida, trovate tutte le informazioni nel nostro listino prezzi.


2016 Toyota Lunghezza4,39 m Capacità di carico358 L Motore2.0 L ibrido Potenza184 CV Coppia Massima190-202 Nm TrasmissioneIngranaggio planetario TrazioneTrazione anteriore Prezzo base28.500 euro