Toyota festeggia 50 anni di produzione europea

·1 minuto per la lettura

Toyota celebra 50 anni di successi in Europa: nel 1971 veniva avviato il suo primo sito produttivo in Europa, attualmente noto come lo stabilimento di Ovar, in Portogallo. Mezzo secolo dopo Toyota ha investito più di 10 miliardi di euro nei suoi impianti di produzione in tutta Europa e ora ha un'impronta produttiva in tutto il continente.

Fedele alla sua filosofia del "costruire nel luogo in cui si vende", Toyota ha aperto stabilimenti di produzione di motori e automobili nel Regno Unito all'inizio degli anni '90 e da allora si è espansa in Francia, Turchia, Repubblica Ceca, Polonia e Russia, per un totale di nove stabilimenti. Le sue attività produttive europee hanno realizzato una produzione cumulativa di oltre 13 milioni di veicoli, impiegando direttamente circa 22.000 persone e generando un volume d’affari di oltre sei mld, per una rete di circa 400 fornitori europei.

Tutti i modelli Toyota europei più venduti – Aygo, Yaris, Corolla, C-HR e RAV4 – vengono costruiti in Europa. La produzione complessiva è cresciuta fino a circa 800mila auto all'anno, grazie al recente lancio di Yaris Cross. A partire dalla produzione di Auris Hybrid nello stabilimento Toyota Manufacturing UK nel 2010, Toyota è stata una delle prime aziende a produrre veicoli elettrificati in Europa. Oggi circa il 59% del volume totale europeo di tutti i veicoli venduti da Toyota e Lexus in Europa sono ibridi, la maggior parte costruiti in Europa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli