Toyota Italia presenta la tecnologia fuel cell a idrogeno alla regione friuli venezia giulia

·1 minuto per la lettura

Luigi Ksawery Luca', Amministratore Delegato di Toyota Motor Italia, ha presentato la tecnologia Fuel Cell a celle a combustibile alimentate a idrogeno agli Assessori alla Difesa dell’Ambiente, Fabio Scoccimarro, e all’Assessore alle Infrastrutture e Territorio, Graziano Pizzimenti, della Regione Friuli Venezia Giulia.

Toyota investe sulla tecnologia Fuel Cell a idrogeno da circa 30 anni e nel 2014 ha introdotto sul mercato la prima berlina a trazione elettrica alimentata a idrogeno prodotta in serie. Lo sviluppo tecnologico è andato avanti e, nel 2021, è iniziata la produzione della seconda generazione di questa innovativa berlina. Nel sistema delle Fuel Cell di Toyota l’elettricità viene generata grazie alla reazione elettrochimica dell’idrogeno con l’ossigeno presente nell’aria, producendo come unico scarto vapore acqueo. La seconda generazione di Fuel Cell di Toyota dispone oggi di un filtro che è in grado anche di pulire l’aria durante la marcia, e di una batteria, agli ioni di litio ad alta tensione, che garantisce una maggiore resa e prestazioni ambientali superiori rispetto a quella della prima generazione in nichel-metallo idruro. "L'evento è stata l’occasione per illustrare l’importanza che il vettore energetico idrogeno può avere in ogni ambito della nostra vita, inclusa la mobilità, ha dichiarato Luigi Ksawery Luca', Come Toyota siamo da sempre impegnati nella realizzazione di una mobilità sostenibile, che veda nel lungo termine l’utilizzo sempre più diffuso di soluzioni a zero emissioni. In questa direzione, da quasi trenta anni investiamo sui mezzi alimentati a idrogeno perché riteniamo che esso rappresenti una risorsa chiave nel processo di de-carbonizzazione dei consumi energetici, in ogni campo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli