Tra Brexit e Covid, la City di Londra cerca di riconvertirsi

Andrea Nobili Tartaglia
·2 minuto per la lettura

AGI - La City di Londra, il miglio quadrato nel centro della capitale britannica, è alla ricerca di nuove strade per la sopravvivenza. Due i colpi che ha subito il quartiere al cuore della finanza mondiale: prima l'addio di banche e uffici finanziari innescato dalla Brexit, poi il colpo di maglio della pandemia e dello smart-working. Se fino a poco più di un anno fa c'era mezzo milione di persone pendolari per raggiungere l'ufficio, oggi la totalità delle aziende ha aperto alla flessibilità per quanto riguarda la presenza in ufficio.

Risultato: contagi contenuti ma palazzi e uffici deserti: la scorsa estate, durante il breve allentamento delle restrizioni pandemiche da parte dell'Inghilterra, le strade della City erano deserte mentre il resto di Londra e altre città pullulavano di attività. La City of London Corporation, il suo organo di governo, sta cercando modi per rianimarla.

"Le aziende ci hanno detto che rimangono impegnate a mantenere un hub centrale a Londra, ma il modo in cui operano cambierà inevitabilmente per riflettere le tendenze post-pandemia, come il lavoro ibrido e flessibile", ha detto Catherine McGuinness, presidente della politica della City of London Corporation.

"Lo Square Mile deve evolversi per fornire un ecosistema che rimanga attraente per lavoratori, visitatori, studenti e residenti. Questo comporterà l'incoraggiamento della crescita, la promozione del talento da tutti gli ambienti, la fornitura di una vivace offerta per il tempo libero e l'offerta di ambienti eccezionali". E ora c'è l'interesse ad attrarre le imprese tecnologiche che tradizionalmente non hanno sede nel miglio quadrato. 

La City è una potenza economica e un centro storico, che ha attirato 21 milioni di visitatori d'affari e di piacere nel 2019, l'anno prima della pandemia. Era sede di 24.000 imprese che impiegavano 542.000 persone - o il 10 per cento della forza lavoro della grande Londra. Tuttavia, nelle sue minuscole 1,12 miglia quadrate, solo 8.000 persone sono attualmente residenti.