Tra Napoli e Caserta sequestrate 52 tonnellate di fuochi illegali

Oltre 52 tonnellate di fuochi pirotecnici clandestini o detenuti illegalmente sequestrate dalla Fiamme Gialle della Campania. Il risultato più grosso è frutto di una operazione interprovinciale tra Napoli e Caserta.  

In particolare, i finanzieri della Compagnia di Giugliano, in collaborazione con i colleghi del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli e Caserta dopo aver notato un camion portacontainer che entrava in un’azienda di importazione e vendita di fuochi d’artificio di Teano, hanno sequestrato 30 tonnellate di artifizi pirotecnici di categoria F2, F3 e F4, contenenti una massa attiva di oltre 4 tonnellate di esplosivo, per un valore sul mercato di oltre mezzo milione di euro.  

In provincia di Caserta invece la Compagnia di Marcianise ha bloccato un carico di 14 bancali contenenti oltre 75.000 artifizi pericolosi del tipo 'Cobra 6', per un peso complessivo di oltre 7 tonnellate.