Tra sei anni via le gabbie dagli allevamenti

·1 minuto per la lettura
(Photo: picture alliance via dpa/picture alliance via Getty I)
(Photo: picture alliance via dpa/picture alliance via Getty I)

(articolo di Maria Pia Terrosi)

Eliminare l’uso delle gabbie negli allevamenti europei sembrava una battaglia persa, sta diventando realtà. Ieri, 30 giugno, la Commissione europea ha annunciato di voler vietare l’uso delle gabbie negli allevamenti impegnandosi a presentare entro il 2023 una proposta legislativa. Con l’obiettivo - dopo un successivo passaggio parlamentare - di metterle fuori legge entro il 2027.

Tutto è partito circa due anni fa con l’Iniziativa dei Cittadini europei (Ice) “End of Cage Age” che chiedeva di vietare la pratica dell’allevamento in gabbia in Europa. A questa Ice hanno aderito un milione e 400 mila persone intenzionate a mettere fine alla sofferenza di 300 milioni di animali - tra cui polli, conigli, ma anche suini - allevati in Europa in condizioni critiche (45 milioni solo in Italia).

Il passo successivo ha visto protagonista il Parlamento europeo che su questo tema lo scorso 27 maggio ha adottato una risoluzione a larghissima maggioranza (558 voti favorevoli, 37 contrari e 85 astensioni). Precisando che il passaggio per arrivare all’eliminazione totale delle gabbie da qui a sei anni dovrà avvenire gradualmente, basandosi su valutazioni che tengano in considerazione le caratteristiche specifiche dei diversi animali.

“Questo risultato era impensabile soltanto due anni e mezzo fa, quando ho ospitato l’evento di lancio di questa Ice al Parlamento europeo”, racconta Eleonora Evi, eurodeputata di Europa Verde e presidente del gruppo di lavoro del Parlamento europeo per un allevamento libero dalle gabbie. “Grazie alla straordinaria mobilitazione di moltissimi cittadini in tutta Europa e al lavoro delle organizzazioni della società civile siamo riusciti a costringere le istituzioni europee a non guardare dall’altra parte. Ora vigileremo affinché la proposta della Commissione preveda un divieto all’uso delle gabbie per tutti gl...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli