Trace Lysette racconta la sua storia: "Da piccola ero bullizzata, ora sono un'attrice"

Trace Lysette
Trace Lysette

La trans Trace Lysette, protagonista del film MONICA, uno dei lungometraggi del regista italiano Andrea Pallaoro in gara per il Leone d’oro, si racconta davanti ai microfoni. Dal bullismo subito fra in banchi di scuola, alla transizione avvenuta da poco, verso un futuro pieno di nuove opportunità da attrice tutte da cogliere.

Trace Lysette racconta la sua storia: “Da piccola ero bullizzata, ora sono un’attrice”

La Trace-Monica inzia spiegando di avere delle origini italianeMia nonna materna era di Napoli – e poi spiega le violenze che ha dovuto subire da piccola, quando a scuola era vittima di bullismo: A scuola ero bullizzata, non so quante volte ho fatto a botte. La rivincita, però, se la sta prendendo tutta adesso, in veste di attrice e dopo la transizione avvenuta relativamente da poco tempo. Trace chiede spazio e la visibilità che sente di meritare: “Ho una gamma ridotta di opportunità, merito di essere allo stesso livello delle altre attrici, ho lavorato duro. Io sono una donna, dovrebbero darmi la possibilità di ruoli da donna.”

La scelta di Palloaro, Monica poteva essere altre 29 donne

Trace Lysette è stata scelta fra altre 29 donne transgender, a spiegarlo è lo stesso Palloaro, che racconta: “Mi ha colpito la sua capacità essere più che di recitare, ha capito lo stato psicologico ed emotivo che ha vissuto in prima persona.”