Traffico di droga e armi con la Sardegna, due arresti in Corsica

·1 minuto per la lettura

AGI - Sono stati catturati in Corsica dalla polizia francese, dopo poco più di un mese di latitanza, due ricercati coinvolti nell'operazione 'Maddalena' della Dda di Cagliari che ai primi gennaio aveva interrotto, con 32 misure cautelari, di cui 20 in carcere, un traffico di droga e armi con la Sardegna. Nella notte è stato eseguito un mandato di arresto europeo emesso nei confronti di Dario Pasquale Andrea Azzena, 51 anni, residente a Portovecchio, e Jean Louis Cucchi, 41 anni, di Figari.

La polizia francese, con la collaborazione dei carabinieri del comando provinciale di Cagliari, li hanno localizzati nelle loro case in Corsica. A Figari gli agenti hanno dovuto sfondare la porta di Cucchi, che si era rifiutato di aprire. I due ricercati sono stati condotti nel carcere di Borgo, a disposizione dell'autoritaà francese, per poi essere trasferiti in un penitenziario di Parigi, in attesa che si concluda la procedura di estradizione in Italia.

Intanto, proseguono le ricerche di altri due latitanti: Mauro Peddio, di Desulo (Nuoro), che i carabinieri cercano in Sardegna, e Francesco Ledda, sardo trapiantato in Corsica. Le indagini svolte fra il 2018 e il 2020 hanno accertato un traffico di marijuana, armi ed esplosivi fra la Sardegna e la Corsica: in particolare, la droga e gli esplosivi veniva ceduti dai sardi ai corsi in cambio di armi, fra cui kalashnikov, da utilizzare in assalti a furgoni portavalori. In Corsica erano stati sequestrati, durante le indagini, 82 chili di marijuana, 10 di hashish e 5 di cocaina.