Traffico illecito sigarette, cresce in Europa ma cala in Italia

·1 minuto per la lettura
featured 1416425
featured 1416425

Roma, 2 lug. (askanews) – Il traffico illecito di sigarette in Europa cresce per la prima volta dal 2011 (+0,8 miliardi di sigarette rispetto al 2019) a

causa dei prodotti contraffatti, causando un mancato gettito

erariale pari a circa 8,5 miliardi di Euro.

Lo evidenzia l’ultimo rapporto indipendente realizzato da KPMG

con il contributo di Philip Morris International, sull’impatto e

i costi economici associati al fenomeno in Italia e in Unione

Europea, con riferimento all’anno 2020.

Se la Francia e la Grecia sono tra i Paesi europei in cui il

fenomeno dell’illecito è particolarmente rilevante

(rispettivamente 23% e 22% sul totale del consumo), l’incidenza

in Italia è del 3,4%, ben al di sotto della media UE pari a 7,8%

del consumo totale, ed è migliore di quella di altri grandi Paesi

europei, come Spagna e Germania. A differenza della Germania,

inoltre, in Italia il trend conferma una diminuzione, a

testimonianza dell’efficace azione di contrasto e deterrenza

svolta dalle forze dell’ordine e dall’Agenzia delle Dogane e dei

Monopoli.

A livello nazionale, il mancato gettito causato dal commercio

illecito di tabacco si attesta intorno ai 400 milioni di Euro,

con un recupero di 68 milioni di Euro rispetto al 2019, grazie

all’impegno delle Istituzioni nel contrasto di questo fenomeno.

Le aree tradizionalmente più colpite si confermano essere, anche

per il 2020, Friuli-Venezia Giulia e Campania. Rispetto alla

media nazionale del 3,4%, infatti, la quota di consumo illecito

sul totale si attesta nelle due regioni al 22% e al 12%

rispettivamente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli