Traffico reperti archeologici, 23 arresti -punto -2-

Nes

Roma, 18 nov. (askanews) - Oltre 350 i carabinieri impiegati, che hanno operato in territorio italiano ed estero, congiuntamente agli investigatori della Metropolitan Police di Londra, della Polizia Criminale del Baden-Württemberg, dell'Ufficio Centrale di Polizia Francese per la lotta al Traffico Internazionale di Beni Culturali e del Servizio Serbo per la Lotta alla Criminalità Organizzata.

La misura cautelare è stata emessa a conclusione dell'attività investigativa denominata "Achei", sviluppata dai Carabinieri del Nucleo TPC di Cosenza, avviata nel maggio 2017 e conclusa nel luglio 2018, che ha preso il via da una serie di accertamenti di iniziativa susseguenti ad alcune acquisizioni info-investigative da parte dei militari dello speciale reparto dell'Arma a seguito delle quali veniva riscontrata la presenza di numerosi scavi clandestini condotti all'interno di vari siti archeologici. Le successive investigazioni hanno consentito di accertare, inequivocabilmente, l'esistenza di un vasto traffico, su scala nazionale ed internazionale, di reperti archeologici provenienti, tra gli altri, sia da scavi clandestini operati nei siti archeologici di: "APOLLO ALEO" a Cirò Marina, "CASTIGLIONE DI PALUDI" a Paludi (CS) e nell'area di "CERASELLO" (che, seppur non soggetta a vincolo, riveste un indiscutibile interesse archeologico), sia da tante altre aree private nelle province di Crotone e Cosenza.

(Segue)