Funivia Mottarone, dal Cermis ad oggi: i tragici precedenti in Italia

·2 minuto per la lettura

Dalla tragedia del Cermis, la più grave del XX secolo dove persero la vita 42 persone, ad oggi con il disastro del Mottarone che ha provocato almeno 14 vittime, la lista degli incidenti in funivia conta purtroppo tragici precedenti in Italia.

DOLOMITI, LA TRAGEDIA CERMIS. Il disastro della funivia di Cavalese (Trento) del 9 marzo del 1976, o disastro del Cermis, è il più grave incidente ad una funivia registratosi nel XX secolo. In una delle ultime corse della giornata, alle 17:20, la fune portante dell'impianto cedette e la cabina cadde sul fianco della montagna dopo un volo di circa 200 metri; quindi continuò la corsa sul terreno per altri 100 metri. Quarantadue i morti.

CHAMPOLUC, INCIDENTE IN SALITA VERSO CREST. Il 13 febbraio del 1983 a Champoluc in Val d'Aosta precipitano tre cabine dell'ovovia che porta al Crest, provocando la morte di undici persone. Si salva un bambino di 9 anni.

DOLOMITI, CERMIS DI NUOVO TEATRO DOLORE. Oltre 20 anni dopo il Cermis è di nuovo teatro di una tragedia: il 3 febbraio del 1998 un aereo dei marines Usa della base di Aviano durante un volo trancia un cavo della funivia del Cermis. Una cabina precipita nel vuoto causando la morte di 20 persone.

SESTRIERE. Il 22 marzo del 2008 incidente nella funivia di Pragelato al Sestriere nelle valli piemontesi, 14 feriti.

MONTE BIANCO. L'8 settembre del 2016 la funivia panoramica del Monte Bianco che collega l'Aiguille du Midi alla Punta Helbronner si blocca per un guasto. Scattano i soccorsi, salvando le oltre cento persone coinvolte.

CERVINIA, INCIDENTE VIGILIA NATALE. Il 24 dicembre 2016 a causa del il maltempo le funi della telecabina Plan Maison-Cime bianche laghi a Cervinia si accavallano provocando il blocco dell'impianto. Salvati tutti i 153 sciatori, dopo una maxi-operazione di soccorso durata oltre 7 ore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli